Pacchetto igiene 2013

marzo 18, 2014

L’Unione Europea ha approvato alcune modifiche al pacchetto igiene 2013 dal momento che il settore alimentare detiene il secondo posto nella classifica dei settori più grandi dell’economia europea. Infatti un dato importante sottolineato dal commissario per la salute Tonio Borg, la sicurezza alimentare ha raggiunto in Europa un alto livello, anche grazie all’attenzione posta nell’applicazione del sistema di sicurezza alimentare HACCP, nonostante l’ampiezza degli argomenti trattati nella normativa relativa all’HACCP, che la rendono piuttosto complessa da applicare.

Cosa comprende il nuovo pacchetto igiene 2013?

Innanzitutto si tratta di una serie di modifiche che riguardano in particolare cinque ambiti legislativi che sono nell’ordine:

  1. la sanità animale: per questo settore la Commissione europea ha puntato tutto sulla prevenzione, grazie ad un monitoraggio serrato delle malattie affinché si possa intervenire in modo rapido in caso di rischio contaminazione dei mangimi.
  2. la salute delle piante: la commissione, anche in questo settore ha dato importanza alla prevenzione, in particolar modo sollecitando gli stati membri ad un monitoraggio più attento sulle importazioni dai paesi extracomunitari, anche allo scopo di limitare se non impedire la contaminazione con parassiti nocivi in Europa.
  3. il materiale riproduttivo vegetale: nel dettaglio si fa riferimento alla creazione di uno scambio di sementi tra coltivatori privati non professionisti, oltre che ad alcune agevolazioni per le piccole imprese.
  4. i controlli ufficiali: le modifiche in questo settore riguardano l’ampliamento del campo di applicazione in settori come la ricerca di residui animali vivi e i processi che influenzano la sicurezza alimentare.
  5. la gestione delle spese relative ai settori appena citati: vale a dire una riduzione delle tasse destinate al finanziamento dei controlli.