Articolo 2 – Definizioni

gennaio 31, 2014
  1. Ai fini del presente regolamento si applicano le seguenti definizioni:
    1. igiene degli alimenti“, in seguito denominata “igiene”: le misure e le condizioni necessarie per controllare i pericoli e garantire l’idoneità al consumo umano di un prodotto alimentare tenendo conto dell’uso previsto;
    2. prodotti primari“: i prodotti della produzione primaria compresi i prodotti della terra, dell’allevamento, della caccia e della pesca.
    3. stabilimento“: ogni unità di un’impresa del settore alimentare;
    4. autorità competente“: l’autorità centrale di uno Stato membro incaricata di garantire il rispetto delle prescrizioni di cui al presente regolamento o qualsiasi altra autorità a cui detta autorità centrale abbia delegato tale competenza; la definizione include, se del caso, l’autorità corrispondente di un paese terzo;
    5. equivalente“: riferito a sistemi diversi, significa capace di conseguire gli stessi obiettivi;
    6. contaminazione“: la presenza o l’introduzione di un pericolo;
    7. acqua potabile“: l’acqua rispondente ai requisiti minimi fissati nella direttiva 98/83/CE del Consiglio, del 3 novembre 1998, sulla qualità delle acque destinate al consumo umano;
    8. acqua di mare pulita“: l’acqua di mare o salmastra naturale, artificiale o depurata che non contiene microrganismi, sostanze nocive o plancton marino tossico in quantità tali da incidere direttamente o indirettamente sulla qualità sanitaria degli alimenti;
    9. acqua pulita“: acqua di mare pulita e acqua dolce di qualità analoga;
    10. confezionamento“: il collocamento di un prodotto alimentare in un involucro o contenitore posti a diretto contatto con il prodotto alimentare in questione, nonché detto involucro o contenitore;
    11. imballaggio“: il collocamento di uno o più prodotti alimentari confezionati in un secondo contenitore, nonché detto secondo contenitore;
    12. recipiente ermeticamente chiuso“: contenitore destinato ad impedire la penetrazione al suo interno di pericoli;
    13. trattamento“: qualsiasi azione che provoca una modificazione sostanziale del prodotto iniziale, compresi trattamento termico, affumicatura, salagione, stagionatura, essiccazione, marinatura, estrazione, estrusione o una combinazione di tali procedimenti;
    14. prodotti non trasformati“: prodotti alimentari non sottoposti a trattamento, compresi prodotti che siano stati divisi, separati, sezionati, affettati, disossati, tritati, scuoiati, frantumati, tagliati, puliti, rifilati, decorticati, macinati, refrigerati, congelati, surgelati o scongelati;
    15. prodotti trasformati“: prodotti alimentari ottenuti dalla trasformazione di prodotti non trasformati. Tali prodotti possono contenere ingredienti necessari alla loro lavorazione o per conferire loro caratteristiche specifiche.
  2. Si applicano altresì le definizioni contenute nel regolamento (CE) n. 178/2002.
  3. Negli allegati del presente regolamento per raggiungere gli obiettivi perseguiti dal presente regolamento

No comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>